Mal di schiena e cervicale, cause e rimedi

 

 

In 13 gennaio 2023 su TELECAPRI, nella trasmissione “Medicina Oggi” condotta da Marianna Amendola. La dottoressa Patrizia Fazio, osteopata, ha parlato delle cause e dei rimedi per mal di schiena e cervicale. Portanto in video anche alcune testimonianze di suoi pazienti.

Il diaframma

 

 

lunedì 19 dicembre, la dottoressa Patrizia Fazio (osteopata) è stata ospite in diretta su Telecapri (canale 15 del digitale terrestre) nella puntata di “Medicina Oggi”, condotta da Saverio Russo. Tema della puntata: l’importanza del trattamento del muscolo diaframma in osteopatia.

ATTENZIONE nei primi minuti l’audio è disturbato ma dopo è perfetto

 

 

Terapia osteopatica ed ernia del disco

Martedì 13 dicembre in diretta su Telecapri, nella trasmissione “Medicina Oggi” condotta da Saverio Russo; la dottoressa Patrizia Fazio, fisioterapista e osteopata, ha parlato al grande pubblico televisivo delle patologie: “ernia al disco e diaframma”.

Cosa e come cura l’osteopata

Venerdì 2 dicembre 2022  su Telecapri, nel programma “Medicina Oggi” condotto da Saverio Russo, la dottoressa Patrizia Fazio (osteopata), ha spiegato in diretta al pubblico televisivo:
“cosa e come cura la medicina osteopatica”.

Osteopatia per gli sportivi

 

Il nuotatoreAndrea Manzi

 

Alcuni studi recenti  applicati allo sport, hanno mostrato come gli atleti che si sottopongono al trattamento manipolativo osteopatico, sono in grado di ridurre le dosi di farmaci antiinfiammatori ed antidolorifici nelle fasi di post-infortunio, riuscendo inoltre a ridurre i tempi di recupero.

Quindi gli sportivi possono trovare un valido aiuto nel trattamento osteopatico per mantenere la piena efficienza dell’apparato muscoloscheletrico, migliorando la performance e prevenendo effetti collaterali, e per ripristinare, attraverso le diverse tecniche praticate, una corretta mobilità articolare e muscolare, riducendo così anche il dolore da sovraccarico.

Benessere e mindfulness


Il mio lavoro è prendermi cura delle persone. Come osteopata ho compreso ben presto che dietro ogni sintomo del paziente c’è un disagio.
Mal di schiena, mal di testa, dolore cervicale e tanto altro, sono il risultato della vita che conduciamo ogni giorno. Si accumulano sul nostro corpo tossine prodotte dagli eventi che si vivono ogni giorno; chiamiamole emozioni negative.
Cerco da sempre una strada per insegnare al paziente che si rivolge a me, a gestire lo stress e fare in modo che non si trasformi poi in disturbi.

La mindfulness e gestione delle emozioni, è un modo semplice per apprendere delle modalità che portino ad un equilibrio duraturo. Si può praticare in gruppo o singolarmente. Si riparte da se stessi attraverso tecniche di gestione emozionale e meditazione.
Ognuno deve fare il percorso adatto a se, non esiste qualcosa che vada bene per tutti. Il percorso da fare implica la ricerca della consapevolezza, che vuol dire non lasciare inserito il pilota automatico che trascina nelle emozioni stressogene.
Attraverso la mindfulness imparare a gestire le emozioni per ritrovare l’armonia e dire basta ad ansia, panico, rabbia, paura.
La prima cosa da fare è un colloquio nel quale si stabilisce insieme il percorso. La collaborazione tra Osteopatia e Mindfulness può dare grandi risultati.

Dott.ssa Patrizia Fazio

Testimonial

Grazie alle Signore Maria ed Angela per la loro testimonianza.
I miei pazienti sono meravigliosi!

Perché portare un bambino dall’osteopata?


Sempre più genitori scelgono di rivolgersi a un osteopata dopo la nascita dei loro bambini.
Infatti, sia in caso di parto naturale o cesareo,  già a partire dalle prime settimane di vita, può essere utile fare una valutazione o un trattamento osteopatico.
Il trattamento osteopatico è utile in vari ambiti ad esempio: la difficoltà di suzione al seno materno, le plagiocefalie posizionali, coliche gassose, rigurgiti e reflussi frequenti, stipsi, disturbi del sonno, torcicollo congenito, irritabilità.
Inoltre l’osteopatia, nel neonato a termine può essere indicata  come approccio preventivo per una valutazione globale, utile ad intercettare segni che potrebbero interferire su un corretto sviluppo neuropsicomotorio. Mentre nel neonato prematuro, l’intervento osteopatico contribuisce a favorire le funzioni legate all’apparato respiratorio, digerente, motorio e neurologico.